Cos’è la creatività?

Cos’è la creatività?

David Bohm disse:

La creatività è, dal mio punto di vista,
qualcosa che è impossibile definire verbalmente.

quindi, se non è possibile comunicare cos’è la creatività, come faccio a scriverlo in questo blog?
Houston, abbiamo un problema!

Tranquilli,  Bohm ha solo affermato che la creatività è un esperienza (da vivere per afferrarla appieno), un po come la spiritualità, ci invita a provarla.
Quindi prima di avventurarti nella lettura di questo blog, alla ricerca della formula magica sulla creatività, ricordati di non attendere per incominciare a creare qualcosa. Crea qualcosa di IMPERFETTO, di piccolo, oggi, ora! E continua a farlo giorno per giorno … ricordati sempre che è un esperienza prima di tutto.

A scuola, a casa, fin da piccoli ci insegnano a pensare, ragionare, a risolvere problemi, spesso rimanendo all’interno di confini, regole, ben delineate. In molti dei sistemi familiari o scolastici, manca l’attenzione o la consapevolezza verso i processi creativi. Non ci si accorge che nella maggior parte delle culture il pensiero creativo viene coltivato meno del pensiero razionale, e che piano piano tendiamo con gli anni a convincerci che non siamo persone creative, oppure pensiamo che la creatività sia connessa con una dote innata, escludendola totalmente dalla nostra vita.

Un peccato.

Ma nell’affermazione di Bohm c’è qualcosa di stupendo, se la creatività è esperienza, questo vuol dire che basta iniziare e vivere quest’esperienza per diventare ogni giorno sempre più creativi.

Noi tutti abbiamo un genio creativo dentro di noi,
l’unico modo per farlo uscire è l’allenamento.

Dopo di tutto, a chi può essere privata un esperienza? A nessun essere vivente. Siete d’accordo con me che per correre una maratona ci vuole allenamento?
Ecco, lo stesso per la creatività.

In più, la creatività è parte di noi, impossibile da cancellare. E’ un bisogno innato.
Cannatella afferma che:

Il bisogno di creatività è biologicamente, fisicamente, e psicologicamente una parte essenziale della natura umana, importantissimo per la riproduzione della specie, per la crescita e la cultura.

John Cleese dice:

La creatività non è un talento, è un modo di operare

Quindi qualcosa che può essere appreso, un metodo, un modo di pensare.
Non scoraggiamoci!

Riguardo al pensare esiste un altro mito …

Bisogna essere intelligenti per essere creativi?  NO!
E’ scientificamente provato che basta avere un intelligenza di base per poter essere creativi, anzi si incomincia anche a pensare che persone molto intelligenti si auto-riducono il loro potenziale di creatività.

Le credenze, le convinzioni rappresentano le sbarre di una prigione che possiamo piano piano costruire negli anni, il pensiero razionale, basato sull’analisi, sul giudizio, non lascia respiro alcuno alla creatività.

Per ora vi saluto, al prossimo post!

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *